Mi sono divertita!

Quante notissie ho da darvi! Venerdì sono andata in machina con la mia mama a una festa di micetti. C’eravamo io, un miceto di nome Mambo e altri tre miceti: due fratelini e una sorelina che non mi ricordo i loro nomi. Poi c’era il micio che abita del dotore e si chiama Griso, e poi c’era una caniolina picola dela dotoresa. Tuti insieme eravamo in una stansa, con tantisimisimi topini e giochini e del cibo e del acqua. Ci siamo conosciuti tuti (due però stavano sempre in del loro trasportino) e un po’ ci siamo anusati e un po’ ci siamo sofiati. Io sopratuto ringhiavo a Mambo perché eso si è fisato di voler entrare in del mio trasportino. Ma… te non ce l’hai il tuo? Però non abiamo litigato e abiamo giocato, esplorato e non ho nemeno avuto paura della caniolina!
Siamo stati lì un po’ e ala fine il dotore mi a regalato dela papa per miceti e un topino.
Mi sono propprio divertita, sì! Sono venuta casa e ho subbito giocato col topino nuovo per un bel po’, poi ho dormito che ero stanchisima del viagio. Uè, sono andata in machina sensa fare un miao, eh!
Ieri o fato la vacinassione e non ho deto bè. Son proprio bravisimisima, dove che la trovano una miceta brava così? Poi ieri sera la mama mi a guardato in boca e a visto che i denti di latte che venerdì erano lì in del loro posto, non c’erano più. Alora vuol dire che sono grande! Ciò i denti permanenti e alora vuol dire che ho almeno 5 mesi o 6. Sono più grande di quelo che pensava la mama. Atensione che qui ci toca festegiare il compleano me e la Trudi insieme, a aprile, eh!
Comunque ve lo farò sapere, così mi fate li auguri e anche qualche regalo che vi dirò io quelo che vorei. Ansi… preparo la lista, va’, così mi porto avanti.
Ogi invece mi sono divertita a giocare fuori in del giardino e poi o fato il giro dela casa e sono ricomparsa sul balcone, per stare con la mama e il pepeus che legevano dei libroni in sula sdraio. Alora ho pensato di afaciarmi anche io al balcone che, come vi ho già deto, è molto interesante perché si vede la gente che va e viene, anche se io ciò paura dele persone. Ma guardate che meravillia il mio balcone! E’ comodisimo, eh! Provate anche voi!

Share

Il condominio

E’ tanto tempo che non scrivo niente perché son stato daprima malato e dopo molto impeniato nel recuperare il tempo perso. Adeso che ciò la sorelina, poi, non riesco a dormire come che vollio io di note, perché esa vuole giocare fino note fonda e poi si svelia presto la matina e mi salta adoso. Ragassi, speriamo che diventa grande in freta perché è una passa scatenata, eh! Comunque, in questi giorni di sole la mama si mete in sul balcone e anche noi ci faciamo compagna. Io ho scoprito che stare in sul balcone si vede un saco di gente che va e che viene. Uè, nel nostro palasso abitano ben quatro famillie, eh! Poi ci sono i palassi vicini, il postino, i signori che vengono a portare i pachi di papa per gati, i bambini che vengono trovare i loro amici, le amiche dela mama e la nona che vengono a casa nostra, ecetera checetera. Insoma, un bel movimento. Ogi pomerigio io e la Ginny eravamo propprio intenti a curiosare chi che andava e chi che veniva… Certo che poi, se pasa qualche machina o qualche persona, siamo pronti a scapare ancora su in del nostro balcone e entrare in casa. Non vedo l’ora che mi metano la porticina gatesca così entro e esco come che vollio.

Poi dopo che siamo entrati la Ginny ha voluto subbito giocare ala lota greco-romana e ciò dovuto dar reta… sapete come sono i bambini, eh? Se volliono giocare bisogna farli giocare se no miaggolano, fano fastiddio e fano la pipì in sul divano. Sopratuto la mia sorelina a questo problema, ma non diciamo gnente, per carità… Poi magari da grande diventa più matura e si comporta mellio.

Eco una bela foto dela lotta. Lei è passa e mi salta adosso e mi morde, ma non sa che io se vollio la stendo con una zampa sola! Chi ti credi di esere, miccroba? Ogni tanto la lascio anche vincere per farle credere di esere forte, se no poi non gioca più con me!
Ciao tuti, vado a papare!
Share

Il mostro dell’angolo e altri mostri

Noi gati vediamo cose che voi persone non potete vedere. Non dico in del buio, dico anche in del giorno! Presempio, cè stata una sera che la mama mi stava cocolando in sul divano e io ho visto un mostro in del angolo dela sala. La mama guardava e mi diceva che non cera niente, ma io lo vedevo! La mama insisteva, ma guardate che io avevo ragione: cera un mostro! Un bruto mostro invisibbile ali ochi dela mama. Alora non ho voluto stare in sul divano. E’ pasato tantisimo tempo, ma io certe volte vedo ancora il mostro.
Ché poi non è l’unico mostro che esiste, eh? Per colpa di quela strega pisciona che abiamo trovato voi sapete dove e quando, abiamo dovuto comprare un nuovo respirapolvere che fa anche lo sbufo del vapore e in più cià una vascheta di acqua per la sporcissia. Beh, questo respirapolvere io non mi sono voluta avicinarmi asolutamente, ma poi quando che la mama la smontato ho voluto ispessionare. Insoma, mi sono recata in camera del leto e, orore deli orori!, ho visto questo mostro serpentoso, luccido e nero. Bestia, che schiffo! Lo guardato un po’ sensa osare vicinarmi, perché la prudensia non è mai tropa… Poi sono andata via e spero di non vederlo mai in assione, anche se la mama mi ha asicurato che senza spina e interutore non è pericoloso. Ma me mi fa schiffo!

il mostro serpentoso

Poi volevo dire che anche Miro è rivato e la oservato da lontano, e anche lui è scapato via per non corere rischi. Siamo mica stuppidi! Solo la strega non cià paura, per forsa: è una strega e lei fa le magie per far fermare i mostri. Eco.

Share

La cultura è una bella cosa

Purtropo io sono ancora nalfabeta, non so legere e non so scrivere… ma penso che imparerò presto, perché son sempre qui dinansi al compiuter che voglio imparare a usarlo per scrivere in del blog. Intanto ieri ho voluto imitare la mama: sicome che lei ala sua amica cià deto “Io sono una che divora i libri, mi piaciono propprio”, ho pensato di fare la stesa cosa anchio. La cultura è importante e se uno divora i libbri, poi sa tante cose. Eco qui:

Ho provato anchio a divorare questo libbro… ma non ho ancora capito se mi è servito a qualche cosa. Boh! Magari non digerisco la leteratura inglese, sarà quelo!

Comunque, poi, per rilasarmi degli aguati sesuali che mi fa Tigro (ex Chico), sono andata fuori in sul balcone con la mama. Ah sì, siamo state bene. Sole solete, a prendere il sole e guardare fuori sensa gatacci pedoffili in giro. Alora la mama ne a aprofitato per farmi qualche foto artistica, che probabbile che poi farò il calendario 2008 per tuti i miei fans. In anteprima per voi ve la meto in sul blog. Ma son proprio belissima, eh?

Share

Notti pazzesche

Di quando è arrivata la picola strega non si può più dormire la note. E’ una cosa pasesca, perché esa gioca e dorme tuto il giorno, ma di sera quando che riva il suo amico Miro inissiano a fare la lota greco-romana. Sarebe belo se andasero fuori dele scatole, ma esi cosa fano? Saltano sul letone, corono sul letone, saltano giù, saltano su. Un movimento unico… Me mi toca dormire in sul comò per non esere disturbata, però fano rumore, eh! L’altro giorno, sono riuscita a andare in camera del leto per prima e mi sono piassata bene sul letone, per farci capire chi è che comanda. Il Miro si è piassato in dela mensola, che doveva esere mia, ma pasiensa…. e la strega? La strega non poteva mica dormire, eh! Esa doveva metersi in primo piano nela foto! Ma dopo che la mama è venuta in del letone con noi, si è cocolata vicina anche lei: un fastiddio. Non vi dico quanto ho ringhiato, ma questa qui è una testona e non è andata via. Adeso sono proprio stufa: fa rumore, mangia tuta la papa, piscia in sul mio divano, gioca invece di dormire e ha distruto un topo! Ho deciso che un giorno che non cè la mama stampo col compiuter degli anunci e ci trovo un’altra casa io. La diamo in adossione, gratis, vermi compresi!
Share