Il mistero dei due Gigi

C’è un misterio da svelare. Un bel giorno la mama stava per metere fuori la papa al Gigio e vede che cià una facia maggrolina. Sicome che erano un po’ di giorni che non lo vedevamo, la mama a pensato che si era dimagrato un po’… Dopo pochi minuti, eco che ti ariva… il Gigio! La mama e io siamo traseccolate: due Gigi? Il primo, è un Gigio maggro e con deli ochi diversi, il secondo era il nostro solito Gigio, col testone e la ferita in sul orechio. Due Gigi uguali spicicati, trane la testa. Steso pelo ispido, steso colore grigio sporco, stesa coda topesca. Frateli, sicuramente.
Se non li vedevamo insieme non ci credavamo, no! Dopo di quel giorno, il Gigino s’è visto poco, mentre il nostro Gigio continua a venire qui, non tre volte al giorno, ma speso, a guardare dentro e volere dela papa.
Adeso il dubio è legitimo: ma se ci sono due Gigi, dove che abbitano? Non è che per caso ciano una casa e pasano di qui solo per riempire la pancia? Mistero dei misteri!
Ma non preocupatevi, che la mia mama è Scerloc Olms e sicuramente scoprisce di dove che arivano e se ciano una casa.
Buona note da una Trudi nerviosa per la piogia!
Share

Festeggiamo

Ciao tuti! Purtropo la mia mama non a potuto scrivere il giorno dela festa, ma comunque questa setimana abiamo avuto due motivi per festegiare!
Il primo è che la mama si è lauriata e alora auguri! Eco una bela rosa per la mia mama:
Il secondo, più importantisimo, è che è pasato un anno esato di quando che io sono rivato in questa famillia! Era il 27 febraio 2007 cuando che la mama mi è venuta a prendermi e mi ha portato a casa. Avevo una paura, io! Non conoscevo la mama, non ero abituato ad andare in machina, la casa mi faceva impresione. Avevo paura di andare in un posto dove che mi tratavano male o non mi curavano. Invece sono qui, sono diventato un micione belissimo (qualche foto la meterò, cuando che la mama riesce a farmi stare fermo imobbile), mangio, bevo, scorasso nel giardino. Ciò tanti amicheti e un bosco dove andare a giocare. Mi rampico sugli alberi e ciò due sorelle di cui una, la Trudi, che fa sempre la severia, ma è buona e mi lascia andare in del leto e l’altra, la Gina, che è una rompiscatole piccicosa ma mi vuole bene e giochiamo e ci lechiamo a vicendia. Poso dormire in dove vollio e infati or ora sono in del letone al posto del papà. Sono sempre un po’ malaticio, colpa deli strasscichi dela bruta malatia che ho avuto da picolo, però la mama mi cura con medicine varie e mi pulisce li ochietti. Io sono un gato veramente braverimo che mi lascio fare tuto e la mia mama dice che sono morbido e meraviglioso da spupassare.
Cosa voglio di più? Gnente!
Miro gato felice!
p.s. mi sono dimenticato di dire che ciò anche un saco di topini e paline per giocare!
Share