Ciccio il Riccio

Questa casa sta diventando un rifuggio di bestie di tute le speci e io mi sto spasientendo, nè? Questo in dela foto è Cicio il Ricio. Eso è un ricio, prima cosa. Eso non si chiamerebe Cicio, si chiamerebe in un altro modo (ce lo chiesto io!), ma però ha deto che va bene Cicio, perché in dela lingua dei rici i nomi sono complicaterimi di tradure in itagliano. Cicio il Ricio viene a casa nostra quasi tute le sere: eso è furbo! Eso ha scoperto la porticina per gati che cè nela nostra rete, alora entra, si fa un giro in del giardino, cerca pessi di fruta o verdura che la mama geta via. Opure si vicina ale ciotoline per gati che la mama lascia fuori. Ciabiamo due ciotoline per l’acqua e una ciotolina per la papa (più che altro per il Gigio). Però speso ci sono dei avansi di papa. Alora Cicio ariva quato quato e si sbaffa tuto. Poi beve e rovescia sempre le ciotoline perché lui cià il colo corto e alora entra tuto nela ciotolina a bere e poi dopo quando va via ci inciampa dentro e le rovescia.
L’altro giorno, presempio, la mama aspetava il Miro. Sente degli sgranochiamenti di crocantini e core subbito a vedere se è il Miro che mangia, così lo catura per meterci le gocce delle orecchie. Ma non apena che la mama acende la luce, cè un fugi fugi. Alora la mama spegne ancora la luce e si aposta a controlare. Nela penombra, eco che ariva Cicio, salta dentro in dela ciotolina e sgranocchia i crocantini tuto sodisfato. La mama a riso e ha deto: certo che siamo uno zoo! Io però non so se al Cicio ci fano bene le pape dei gati! Ma penso di sì: viene sempre qui e non è mai morto…
Cosa dobiamo fare? Noi quando che vediamo il Cicio lo guardiamo ma non gli faciamo niente perché eso è tuto pieno di pungillioni. Alora ci limitamo a oservarlo. E’ anche simpatico, dài.
Ciao Cicio!
Share

Le Olimpiadi

Si sa. Si sa che cuando che ci sono le Limpiadi poi tuti incrementano il loro sport. Tuti che si pasionano degli sport (trane me!). Tuti che si inscrivono in dela palestra, che provano a fare degli sport nuovi perché li ano visti in dela trevisione.
Che dopo qualche tempo… io dico PRIMA di Natale, la gente si sono già stufati di fare lo sport e pensano solo al panetone col mascarpione, altro che salute e movimento.
E’ per questo che io dico che sono inteligente: non mi meto nemeno in pista a fare lo sport che tanto poi mi stufo! Mi riposo, e basta.
Però anche casa nostra è stata influensata dele Limpiadi. Qua soto vedete gli altri due gati dela famillia che si cimentano in delli sport. Io guardo, in sulla sdraio. Ma però non facio il tifo!

Il pubblico annoiato


Share

Stelle cadenti

Sì, lo so che scrivisco sempre io. D’altronde sono la intelettuale dela famillia e li altri due rompiscatole sono sempre in giro in del bosco, a giocare, a litigare ecetera checetera. Certo che se uno è sempre in giro non cià tempo di pensare e di filosofegiare come che facio io, no?
Alora, volevo parlare di un’altra teoria che ciò, sempre riguardante gli Uffi. In questi giorni tuti che parlano dele stele cadenti, tuti che guardano il celo e via dicendo. Anche il telegiornale parla dele stele, come se non ci fosero notissie più importanti di dire! Be’, comunque, volevo racontarvi la verità dele stele cadenti.
Ese non sono stele, prima cosa. Non sono nemeno meteoriti come che qualcheduno sapientone sta già dicendo! Nossiniore! Ese sono i fuochi artificiali degli Uffi. Come in tuti i posti del mondo, anche in del Universo ci sono le feste del paese, le sagre delo gnoco frito e così via. Eco che, alora, proprio intorno di Feragosto esi festegiano una festa e così fano i fuochi d’artificio. Sicome che, poi, li Uffi sono molto più evolussionati di noi, ciano anche i fuochi d’artificio che si vedono molto di lontano. Alora capita che le persone guardano il cielo e vedono questi fuochi d’artificio e pensano che sono le stele cadenti. Ma io lo so che sono fate dagli Uffi! IO lo so. Se non ci volete crederci, pasiensa.
Share

Cagnolina

Ieri, che sorpresa e che spavento! E’ rivata questa caniolina in casa nostra, dal giardino. La mama la riconosciuta, perché esa era già venuta una volta e poi la mama aveva fato un giro con esa in del quartiere e aveva incontrato il suo padrone. Esa si chiama Daria.
Be’, per farla breve, ieri è rivata in casa nostra e si è fata caressare della mamma, a bevuto l’acqua e stava qui bela tranquila. Sè pure fata un giro in dela casa! Poi è venuta di me e della Trudi e si è mesa a baiare per giocare, ma noi non eravamo contenti e io ho fato una cresta altisima, la coda gonfia e tuto, ma non mi sono mica moso! La Trudi è andata in del vaso e poi ha fato la cresta anche lei. Ma la Daria non ci voleva fare niente di male, però. Alora dopo la mama la presa, ci ha messo il guinsaglio, la portata verso casa sua e a visto il padrone che non s’era nemeno acorto che la caniolina era uscita. Lei è abituata a uscire, però si vede che certe volte viene di qui e non sa tornare. Ma adeso la mama sa dove che abbita, almeno! Che robba, ue’!
Share