Ecoci qui!

Ecoci qui, ancora! Non abiamo scrito tantisimisimo tempo perché la mama non poteva. Sapete comè… noi con le sampe non siamo capaci di usare il compiuter e alora…

Ma adeso ecoci ancora qui. L’estata è pasata in un bater d’ochio! Io sono ingrasata di alcuni eti e mi sento benisimo nonostante le mie patologie cronniche. La Gina è la solita Gina, oviamente! Esa a sempre i suoi probblemi pissicologici quando che vede la Minù e dopo per sfogarsi fa le pipì misteriose in casa. Cosa volete farci? E’ fata così, esa! La Babi cià dele novità: ha imparato a saltare su e giù dei tavoli e dele finestre che lei era una micia che non lo faceva mica. Poi quando che la mama e il pepeus non cerano quest’estate, adirittura esa a dormito fuori DUE noti! Poi è sempre in giro qui nel giardinio: non si lontana mai, ma tiene d’ochio tuto e tuti e ogni tanto fa una bela litigata con il Tigre C.

Adeso che è rivato l’autuno, io mi sono rimposesata del divanio e mi facio dele bele dormite sula coperta di lana dela mama, la quale dice che ce la impelo tuta ma pasiensa. La Gina invece ci piace dormire in sula poltrona (e infati adeso dov’è?) mentre la Babi va in sul divaneto o sul leto o nel suo posticino in camera del leto.

Il Cicio e famillia stano bene: esi sono venuti tuta l’estate a cibbarsi qui da noi e non sono ancora in letarghio, perciò proppio ieri sera l’abiamo visto.

Il Gigio invece non s’era visto per moltisimi mesi. La mama ormai pensava che eso era morto perché l’ultima volta che l’aveva visto aveva una cosa strana in del orechio. E invece, notissia scups!, ieri sera è ritornato! La Gina ci è corsa dietro ma dopo eso è tornato ed era proppio lui e la mama era tuta contenta di rivederlo, ma eso non si fa prendere come il solito e alora ci abiamo dato dele cibbarie e basta. Siamo davero contentisimi che il Gigio sia vivo e veggeto! Eviva! Eviva! Eviva!

E quindi ecoci tuti qui!

Share

La doppia vita di Babette

Questa ve la devo proppio racontare! Perché è ora di finirla che tuti dicono che io sono una picola strega, che facio scapare gli altri gati, che mi rabbio, che sbufo, ecetera checetera. Sembra che sono proppio una ragassaccia, eco! Invece non sono mica solo io…

Qualche giorno fa la Babi e io eravamo lì dinansi alla finestra, quand’eco che ariva il Tigre C. (C. è l’inissiale del coniome). Eso è un miceto che cià l’età dela Babi e in fin dei conti abiamo sempre giocato insieme. Però questa volta quando eso era sul balcone, la mama sente dei versi sovrumani provenire da noi due. “Mmmmrrrrrr! Chhhhh! Mmmmmmmrrrrrr!”: insoma avete capito, i soliti versaci di gate rabiate. La mama subbito mi dice “Ginny, smettila, cattiva!”. Sì, perché subbito a pensato che ero io a litigare col Tigre. E invece no! Quando che la mama si è vicinata bene a visto che era la Babi, quela che fa tanto la santerelina e poi invece… Ciaveva le recchie piegate indietro e faceva dei versaci brutti e poi a mandato via il Tigre. Ma non è finita qui! Esa lo inseggue con cattivezza tutte le volte che lo vede entrare nel nostro giardino, e lo fa scapare. E’ litigiosa, eco.

E poi ve ne raconto un’altra. L’altro giorno, mentre che la mama era sul divano, è entrata in casa bela sparata con una lucertola in boca ed è corsa in cucina e poi è uscita dal’altra porticina. Capito? Catura le lucertole e poi pasa in casa come se fose normale. Io non le porto in casa, nosiniori! Io gioco fuori! E adeso non dite mai più che io, Gina, sono una ragassa ribelle, capito?

Share

Yuppi!

Ciao a tuti! Lo sapiamo che siamo stati asenti tantisimisimo. D’altronde è così: un saco di cose da fare, un saco di probblemi, un saco di brute giornatacce che pioveva e alora eravamo moge. Non abiamo avuto tempo di scrivere gnente, eco.

E poi cè stato il 21 marso che era un anno che è morto il nostro Miro, il nostro carisimo e bravisimo fratelino che ce lo ricorderemo sempre perché era il micio più bravo e gentile del mondo.

E poi la primavera non rivava più, che pioveva e pioveva e faceva fredo.

E poi eravamo preocupate perché non si vedevano più il Gigio e il Ciccio.

Ma ogi, per fortuna, una bella notissia: il Ciccio è tornato! Yupi! Yupiiiiii! Yupiiiiii! Il Cicio è tornato, si è svelliato dal letargo! La mama la visto proprio adeso che stava mangiando i nostri avansi come suo solito, e apena la mama a aperto la porta eso è scapato a nascondersi.

W il Ciccio! W la primavera! E tu, Gigio, dove sei? Fati vedere che ti spetiamo!

Trudi, Ginny, Babette.

Share

Nuovi amici

Be’, in questa famillia siamo sempre pieni di nuovi amici! Dopo Lucilla, la talpa, che un giorno vi metiamo su anche la sua fotografia, e il Ciccio che ormai è un po’ che non si fa vedere, abiamo anche conosciuto una rana e una lumaca. La rana è venuta qui a fare un giro una sera: molto simpatica. Ci ha racontato dela sua vita in del canale, di quelo che mangia e dei suoi amici. Esa si chiama Diana la Rana ed è fidansata con il Rospo Ottavio, che però noi non lo conosciamo ma lei ci ha deto che è un rospo molto simpattico. Poi dopo abiamo anche fatto amicissia con Pierina la lumachina: esa viene anche lei a mangiare i nostri avansi e dovete vedere come che ci dà dentro! Pierina non è mica l’unica lumaca che cè in del giardino: cè lei e cè tuta la sua famillia, però non ciavevamo vollia di conoscere tuto il parentado e alora ci siamo fati amici solo di lei. Esa è marone e lascia la bava quando che camina, però è molto utile. Il Ciccio invece è un po’ che non viene più: non sapiamo se ha cambiato solo posto per mangiare o se forse ha cambiato casa! Un gato che conosciamo ci ha deto che secondo lui ha cambiato casa, a preso su tuta la famillia e è andato a abbitare in un altro bosco. Non so… magari è un petegolesso e basta! Certo che noi ci rimaniamo male se il Ciccio va via sensa nemeno salutarci, eco. Comunque, cè sempre un bel viavai in questa casa, va’. Ciao dala vostra Gina preferita!

Share

Sono la numero 1!

Eccomi che mi riposo
Eccomi che mi riposo

Sono la micia più brava del mondo e sopratuto di questa casa! Sì, lo so che non scriviamo di tanto tempo, ma è perché siamo stati impeniati a fare tantiiiiisime cose. Inansituto, qui cè un viavvai che non vi dico: ciabiamo un saco di amici gati! La Meggy, la Minù, il Tigro, il Tigre, il Nerino e anche il Gigio e suo fratelo maggro! Poi è rivata l’estate e alora siamo sempre fuori a giocare ecetera checetera perciò non ci tachiamo al compiuter.

Io però sono la micia più braverima dela famillia: inansituto non faccio avansi del cibo, mentre che le altre due ano fatto un po’ i caprici ultimamente. Poi non mi lontano mai. Lo sapete, voi, che la Ginaccia è stata via due giorni, nè? E due setimane fa a fato la stesa cosa, quando che i nostri genitori non cerano: la nona la anche cercata ma esa non sè fata vedere, quela Ginaccia là! E’ proprio una ribelle, eco. Invece io no: non mi lontano mai del mio giardino. Ciò i miei posticini che sono: soto la piantina dela cucina, soto il gelsomino, in del vaso per guardare fuori e vicino al bosso per guardare il mio amico Jack (che è un cane). Io esco la matina presto, facio un gireto e poi mi meto nei miei posticini sensa mai lontanarmi del mio giardino. Dopo, quando che ho fame, entro nela casa e facio “Miaaaaaaaaaaaao! Miaaaaaaaaaaaaaaaaaeeuuu! Miaaaaaaaaa!” e alora subbito tuti corono a vedere cosa che vollio. Poi esco e mi facio i fati miei. Ogni tanto vado in del canale a fare un giretino, sissiniori. Voi dovete sapere che in del canale cè un saco di piante di robigna e di caprifollio selvatico e soto lì ci sono toppi, talpe e bestie varie. Alora me mi piace corere lì, fare un gireto e poi tornare di corsa in casa a 100 al ora con la codona gonfia. Ma non sono mai andata via, nemeno in del bosco perché non sono una micia aventurosa e mi contento del mio spassio.

Poi me mi piace anche venire in casa. Ogni tanto vado in delo studdio a vedere cosa combina il papi col compiuter e ci facio compagna mentre che lui lavora. Schiacio un pisolino in dela cesta personale che ciò lì. Opure entro in casa e mi meto sul puf a dormire al fresco, ché fuori cè l’affa. Verso le 9-10 di sera mi piasso in casa per la notte, sensa farmi chiamare e sensa farmi pregare: sono bravisima, io. Entro in casa da sola e mi meto in sula poltrona, mi lavo tuta e poi vado in leto con la mama, il papà e la Trudi.  Speso però la Trudi vuole dormire fuori e anche la Ginny: alora sono da sola in del letone. Me mi piace molto anche dormire in del angolo gatesco coi cuscini che la mama a fato per noi in camera: dice che sono l’unica che ci dà la sodisfassione, a parte il nostro povero fratelino Miro che anche lui era bravo come un angioleto. Le altre due morire che vano lì, eh!

Sono anche braverima perché sono amica di tuti. Io non litigo mica con li altri come che fa la Gina, io sono amica anche del Gigio. Io gioco con tuti e ala sera in del nostro giardino cè l’asilo dei gati, perché faciamo dele scapirate (corse pazze, NdT) che voi non sapete nemeno. Ah, che divertimento!

Buona note (mi facio un sonelino, va’…)

Share