Siamo nella cacca!

Siamo nella caca! Nel vero senso dela parola… Sì, perché la sotoscrita Babette Gattant cià un picolo probblemino di caca mole. Sono tre setimane che, gira e rigiria, ciò la caca mole. Non vi dico che meravillia la mama, la quale deve starmi dietro con pastillie e robe varie, deve andare del dotore e deve pulire tuto.

Io ciò un’abituddine che è questa: quando che facio la caca in dela casetina, dopo che ho finito scapo via di corsa dicendo “Mremremrè” e mi facio una corsa in del coridoio con la coda aricciata. Il probblema dela caca mole è che mi rimane tacata in dela coda e delle zampe e così pasticio tuto il pavimento. Ve l’imaginate la scena? E pensare che ci sono persone che ciano schifo a cambiare il panolino a un bambino… ese non sano cosa vuol dire avere dei gati come noi! Gh gh gh!

Comunque, la povera mama viene solitamente svelliata intorno alle 5,30 da me che scavo, dopo pulisce e dopo torna in leto. Il probblema è che io devo prendere la pastillia schifosona che non cè verso di farmela ciapare come si deve. I primi giorni, la mama cè riuscita ficandomela in gola o mischiandola ala papa. Ma da alcuni giorni mi sono fata furba! Ieri me l’ha mesa in del omogeneisato, e io non ho mangiato. Alora la mesa in una siringa con un po’ d’acqua per spararmela in boca, e io lo sputata tuta tuta adoso ala mama e su me stesa. Alora me la ficata in gola come il solito e io ce lo sputata tuta. Ala fine, non si sa se ne ho presa almeno un po’! Stamatina, la mama pensava di fregarmi metendo la pastillia tuta polverissata dentro nela papa Schesir che mi piace molto. Io cos’o fato? Lo mangiata e dopo ce lo vomitata subito tuta. Alora la mama, con mosa di caraté, mi a aferrata (io piangevo come un osessa!) e mi ha ficato la pastillia in gola. Lo mandata giù. Ma non si sa se lo tenuta giù, eh?

Sono anchio una ribelina, come la Gina! Me non mi interesa di fare la cura, eco.

Share

Settimana dal dottore

Ufi! Questa setimana è inissiata male, eco! Siamo andate dal dotore tute e tre perché questa mama non ne vuole saperne di lasciarci in pace e farci stare sensa dotori! Lunedì è tocato ala Trudi, la quale è vechia e malata e alora un gireto di controlo lo doveva fare. Tuto a posto, perde un saco di pelo, ma sta bene e deve continuare con la sua cura di medicine ricostituenti.

Tre gatte nel giardino

Tre gatte nel giardino

Poi, eco la Babi che si amala dela gola. Miaggolava tuta rauca, come una che a fumato 40 sigarete. Ma insoma! E poi starnutava anche. Alora la mama a pensato bene di portare lei del dotore e portarmi anche me, che non volevo e che non ciò niente, perché dovevo fare la vacinassione.  Un viagio in machina masacrevole, con un caldo che l’aria condiscionata non serviva a niente, poi il dotore che ti toca e ti guarda dipertuto e poi una punturacia schifosa in dela gamba. Ero un po’ inerviosita, dico il vero. Poi però sono tornata a casa e son stata bela tranquila e mi sono spaparansata in del giardinio per rinfrescarmi un po’. La Babi va bene così: cià il mal di gola, ma niente medicine perché sta guarendo (in compensio ogi è stata male la mama per il caldo e non so che cosa). Che sposatessa, ufi! Noi ci godiamo il nostro giardinio, scusate, ne’!

Share

Prepariamoci al peggio

Questo periodo di brute cose non vuole finire. La Trudi è sempre la stesa, con la peliccia mezza strapata e con la lingua bruta. Però almeno si comporta come al solito e alora non siamo più tanto preocupati.

E’ il nostro Miro che sta molto male. Eso è stato male 10 giorni fa. Eso non mangia, è palido e adeso anche gialino. Ha fato li esami del sangue, la radiografia e ogi fa l’ecografia. Stiamo spetando i risultati di un esame bruto che potrebe dirci che la malatiaccia che ha è incurabile. Eso è moggio, non si muove e non mangia. La mama ci fa il frulato di pappa e vitamine e ce ne dà un po’ con la siringa, poi lo fa bere, ma eso da solo non mangia. Sta tuto il giorno sdraiato e dorme con la mama, mentre noi andiamo in altri posti perché la mama vuole che lui sta tranquilo. Quando che la mama lo toca, fa subbito le fusa.

Noi siamo molto tristi. Io ci voglio bene, al Miro. La Babi è stupita di tuto. La Trudi dice che anche se è burbera, lei ci vuole molto bene al Miro perché è un gato altruista e gentile. Il nostro Miro non è un gato: è un angioleto. Eso è talmente bravo che la mama si dimentica che esiste! Ha un caratere belissimo perché non litiga con nesuno, è amico di tuti, però si fa rispetare. E poi se qualcuno miaggola, lui core subbito in aiuto. Perché un micio così deve avere tute le malatie? Perché adeso che sembrava a posto è saltata fuori questa cosa? Non si poteva prevedere, ufi?

Noi abiamo ancora una speransa, noi voliamo curarlo con le medicine e le vitamine per vedere se va a posto! Forsa Miro, non arenderti. Volliamo tornare a scrivere dele cose belle sul nostro blosg, ma adeso siamo tropo tristi.

Share

Testamento

Alora, facendo le corna e mica le corna, ho deciso di publicare il mio testamento così che i posteri lo sano cosa che vollio. Non è che lo fato adeso, eh? Lo fato un giorno d’estate di tanti ani fa, perché mi ero mesa in testa di esere cremata come il gato Socks (R.I.P.). Però poi, pensa e ripensa, mè venuta un’altra idea più grandiosa, in modo di esere imortale come le mumie d’Egito e come li animali del museo di scense. Alora, eco le mie volontà.

Io sotoscrita, Gertrude F.G. deta Trudi Gattenhauer, nata a Medillia il 19 Aprile 2000, nel pieno poseso dele mie facoltà mentali dispongo che, dopo la mia morte:

  • Tuti i miei ogetti personali siano lasciati in eredità ala mia famillia, composta di mama, papà e tre frateli gateschi.
  • Sul mio corpo sia fata l’autospia e che poi dopo eso venga impalliato come quelo dele tiggri dei musei di scense in modo da poter esere sempre presente in dela casa.
  • La me stesa impalliata venga mesa in saloto sul mobbile in modo di sembrare un gato vero che poi quando la gente mi vedono dicono “Che bravo gato!”.
  • Sia tenuta in mia memoria una cerimonnia funeralesca e getati fiori in del giardino soto la vite dove che mi meto sempre io.
  • Nesuno prenda il posto che ocupo io in del leto, altrimenti il mio fantasma ci grata i piedi di note.
  • Sia apesa una foto di me stesa da giovane, posibilemente ingrandita, in un punto visibile dela casa.
  • La mama facia un video di tute le mie foto con colona sonora a sua scelta basta che cè 44 gati e la cansone del vento di Bety che la mama sa qualè.

In fede, Gertrude F.G. (data di ogi)

Share

Fifty-fifty

Eco, fifti-fifti. Siamo così, in questa casa. Abiamo infati fato tuuuti l’esame del sangue e si è scoprito che il Miro è positivo ala FeLV come la Trudi, ma anche ala FIV. Invece io e la Babi siamo a postisimo. Io sono anche vacinata perciò a me cosa mi interesa? Poso lecare il mio Miro quanto che vollio perché io ci vollio bene, a lui! La Babi invece farà la vacinasione tra un po’ di tempo e alora speriamo bene in questo periodo. D’altronde, suvia… non si è malata finora, la mama tiene separate le nostre ciotole, la Trudi sta per i fatacci suoi e alora siamo bastansa tranquili.

La nostra super Trudona è in crisi: esa cià la stomatite e cià dei fastidi nela peliccia che si leca e si morde e si tira via il pelo. Nesun dotore capisce la causa e nemeno la mama. Sono le pulci? Sono altre bestie? E’ stato lo stres? E’ stata la nestesia? Non si sa! Fato sta che la Trudi ciapa dele pastillie e ciapa anche dele vitamine, però non va a posto. Sembra un po’ mellio, ma poi pegiora, poi milliora, poi pegiora. La mama è in angoscia, io anche io, il Miro anche lui e la Babi anche lei. Tuti, insoma!

Noi amiamo la nostra Trudi: esa è una filossofa, esa è una maestra di vita, esa ci spiega come che funsiona il mondo. Vederla malata e rabiata non ci piace. Esa deve sempre esere il nostro punto di riferimento!

Forsa Trudi! Forsa! Ti volliamo tuti tantisimisimo bene!

Share